Federico Bonadonna

Nato a Ivrea nel 1966, √® scrittore e antropologo. Nel 2001 ha scritto per Derive e Approdi Il nome del barbone, da cui Citto Maselli ha tratto il film Civico Zero, nel 2009 Occasioni mancate – Antropologia delle marginalit√† estreme e politiche sociali per gente degli interstizi per L’Orecchio di Van Gogh, nel 2015 il romanzo La cognizione del potere per Castelvecchi, nel 2018 Hostia – L’innocenza del male, per Round Robin Editrice. Ha lavorato come antropologo in Libano, Siria, Etiopia e Senegal.